Li salviamo...e poi?
 

Fino a dieci anni fa la maggior parte di coloro che subivano Trauma Cranico morivano: oggi molti sopravvivono, ma spesso con esiti gravemente invalidanti dal punto di vista fisico e sociale.
Il TC e le sue conseguenze sono una realtà nuova e in aumento che ha un impatto devastante sull’individuo, sulla famiglia e sulla società anche in quanto colpisce soprattutto i giovani (più del 50% di coloro che subiscono un TC ha meno di 35 anni).

 

Una volta superata la fase acuta e lasciati gli ospedali, i soggetti colpiti da TC e le loro famiglie sembrano scomparire nel territorio e poco si conosce sul come evolvono nel tempo le loro necessità e i loro problemi: da questo nasce la necessità di reperire le informazioni dalle quali partire per ragionare insieme sul cosa si può fare per migliorare la qualità della vita di queste persone.

 

L’AMTC “Andrea”si è fatta quindi promotrice di un’indagine conoscitiva sulla realtà del post trauma cranico nelle Marche e ha affidato all’Università Politecnica delle Marche, in particolare al CRISS, nella persona del Direttore pro-tempore Prof.ssa M. Giovanna Vicarelli, l’incarico per la realizzazione ed il coordinamento di un progetto sul reinserimento nei contesti familiari e sociali dei soggetti con Grave Cerebrolesione Acquisita, da condurre in collaborazione con l’Istituto di Riabilitazione “S.Stefano”.

 

 

Progetto 2008/2009 Progetto 2009/2010

 

 

 

  La ricerca si è conclusa con la pubblicazione del libro...  
     
       
       
       
       
    IN BALIA DELLE ONDE  
    La grave cerebrolesione acquisita  
    raccontata dai pazienti e dalle loro famiglie  
       
       
       
    Ed. Affinità Elettive  
    Vicolo Stelluto,3  
    60121 – Ancona  
       
    Tel.e Fax 071 2800514  
    www.affinita-elettive .it  
    edizioniae@libero.it  
       
       
       
       
       
         
  Il Libro in sintesi      
  Presentazione a cura della Dott.ssa Micol Bronzini